Volare nel Post Covid-19. Il racconto di Alberto.

22 Ottobre 2020

Volare post Covid19 Albastar compagnia aerea

Alberto Ravasio, un appassionato di aviazione, ci racconta la sua esperienza di volo con Albastar!

La pandemia da Covid-19 ha, di fatto, fermato il mondo. Tutti noi abbiamo dovuto modificare profondamente le nostre abitudini e rinunciare a molte cose, tra cui i viaggi.
Quello che fino allo scorso febbraio era “normale”, ovvero prendere un aereo per raggiungere i luoghi di vacanza, per trasferte di lavoro o più semplicemente per riabbracciare i nostri cari è diventato prima impossibile, poi molto difficile.

Le compagnie aeree e gli scali aeroportuali hanno messo in campo tutti i protocolli necessari a garantire ambienti sani e distanziamento sociale sia in aeroporto che durante il volo.

Abbiamo invitato a bordo di una nostra rotazione Alberto Ravasio, che attraverso la sua esperienza diretta è testimone della sicurezza dei viaggi aerei. Ecco il suo racconto.

Inizia così il viaggio di Alberto:
Parto in largo anticipo per andare verso l’aeroporto di Milano Bergamo. Il volo è schedulato per le ore 17.55 di sabato e con me ho solo un bagaglio a mano. Arrivato in aeroporto, mi dirigo verso l’ingresso del terminal alla porta numero 4.
Appena entro in aeroporto mi viene controllata la temperatura corporea mediante termo-scanner e sul pannello è già visibile il mio volo per Lampedusa. Dopo i controlli, mi dirigo al banco check-in.

Volare covid 19 protocolli sicurezza Albastar compagnia aerea

Ci sono persone in attesa ma la coda scorre fluida, in modo ordinato, rispettando e mantenendo la distanza di sicurezza segnalata dagli appositi bollini posti sul pavimento.
Con la carta d’imbarco alla mano, mi dirigo ai controlli di sicurezza che avvengono con la giusta distanza di sicurezza e in maniera regolare.
Il terminal è poco frequentato, segno che la gente ha ancora diffidenza a volare. Che differenza rispetto al 2019!
Lungo il percorso, i pannelli informativi mostrano il gate assegnato al volo AP403 che risulta essere l’A8. Prima di imbarcarmi mi gusto un buon caffè accompagnato da un fragrante cannoncino, ideale per addolcire l’attesa e intanto, dalle vetrate del terminal, mi godo il panorama delle Prealpi anche se il cielo è un po’ offuscato da qualche nuvola di troppo.

Volare Covid19 protocolli sicurezza Albastar compagnia aerea

Arriva l’aereo e dopo aver spenti i motori e le beacon gli operai coordinati in supervisione dall’agente di rampa, bloccano le ruote dei carrelli con i blocchi, delimitano l’area operativa posizionando dei coni alle estremità dell’aereo e successivamente posizionano i mezzi necessari (scale, nastro bagagli, generatore ecc…).
La rampa si coordina con la capo cabina, una volta che questa ha aperto il portellone, veloce passaggio di documenti in arrivo e inizia lo sbarco dei passeggeri a bordo.

Arriva il nuovo equipaggio con il Comandante Federico Vezzani che prende posto a bordo sostituendo totalmente quello precedente, nel frattempo l’aereo viene preparato per il volo successivo verso Lampedusa. Viene eseguito il rifornimento di carburante, vengono effettuate le pulizie e la sanificazione della cabina e lo stivaggio dei bagagli dei passeggeri.

L’imbarco inizia in orario e una volta a bordo ci si prepara per il pushback!

Procedure sicurezza Covid19 Albastar compagnia aerea

Vengono accesi in sequenza i motori, nel frattempo in cabina si assiste alla safety demostration da parte delle assistenti di volo e dopo un rapido rullaggio inizia la fase di decollo. Il viaggio durerà in tutto un’ora e mezza e seguirà una rotta che sorvolerà l’Isola d’Elba, il Mar Tirreno, la Sicilia all’altezza di Trapani per terminare con la discesa verso la nostra destinazione.

Procedure sicurezza Covid19 Albastar compagnia aerea

Il cielo è leggermente velato ma ad una quota di 35’000ft si gode di una bella vista e il sole che inizia a tramontare è da cartolina.
Dopo circa 25 minuti inizia il servizio di bordo da parte degli assistenti di volo che viene eseguito con molta attenzione anche se è più breve del solito. A bordo, tutti i passeggeri rispettano le normative anticovid: indossano la mascherina, utilizzano gel idroalcolici frequentemente e rispettano le distanze di sicurezza.

Procedure sicurezza a bordo Covid19 Albastar compagnia aerea

L’avvicinamento su un mare calmo, piatto come una tavola, lascia intravedere l’isola: un fazzoletto di terra nel mezzo del Mar Mediterraneo.
Con mano ferma a dimostrazione dell’esperienza maturata, il comandante Federico Vezzani porta l’aereo a terra e raggiungiamo subito la piazzola.

L’aeroporto al nostro arrivo è vuoto e lo sbarco avviene in modo rapido seguendo la procedura di compagnia che prevede lo sbarco per file che vengono annunciate dalla capo cabina e dalla collega posta in coda.
A seguire, gli addetti alla pulizia e alla sanificazione eseguono tutte le loro operazione al fine di rendere sicuro il viaggio successivo.

Sono le ore 20.25 quando iniziamo ad imbarcarci per il volo di ritorno a Bergamo. A bordo dell’aereo ci sono circa 150 persone e come sempre il personale di bordo passa tra le file per assicurarsi che ognuna abbia la mascherina e le cinture allacciate.
Rulliamo per pista 08, backtrack in testata pista, il volo di rientro sarà di un’ora e quaranta, seguendo una rotta simile a quella dell’andata ad una quota leggermente inferiore a 34’000ft.
Il servizio di bordo anche per il volo di rientro avviene dopo circa mezz’ora dal decollo con un passaggio a base di soft drink.
L’atmosfera a bordo è tranquilla e i passeggeri seduti rispettando le norme anticovid.
Alle 21.50 viene acceso il segnale di allacciare le cinture e l’annuncio breve dal cockpit è seguito dall’annuncio della capo cabina che ci informa dell’inizio della discesa che ci porterà a Bergamo in circa mezz’ora.
Osservo all’esterno il contrasto tra le luci delle città e il buio delle zone sorvolate che creano una piacevole atmosfera. Dopo una discesa graduale e precisa e una virata a sinistra, ci allineiamo con la pista 28 dell’aeroporto di Orio al Serio.
Touchdown dolce, rallentiamo gradualmente, percorrendo tutta la pista e rulliamo infine al nostro stand, sono le 22.15! Qui ci attende un bus che ci accompagna all’interno dell’aeroporto dove finisce la mia esperienza di volo con Albastar.

Nel fare i complimenti a Alberto Ravasio per il suo stupendo racconto, vogliamo ringraziare tutto lo staff di Albastar e tutti i team degli aeroporti che ogni giorno lavorano e collaborano perché la tua esperienza di volo sia sempre impeccabile.
Ci auguriamo di riaverti presto a bordo!

Albastar.es

Pin It on Pinterest

Share This